Rolex Fastnet Race 2023: il diario

Una storia di amicizia, nata nel 2012 ai tempi del Mini, che segnerà la partecipazione di Giancarlo alla prima regata del 2023. La prima dopo il cantiere che, grazie all’installazione di foil di ultima generazione, ha definitivamente trasformato l’IMOCA Prysmian Group.

Dal 17 maggio scorso, data del varo post cantiere, Giancarlo lavora con il suo team per mettere a punto l’IMOCA “nuova versione”.  Il 22 luglio, schierandosi alla partenza della famosa Rolex Fastnet Race, Giancarlo si prepara a un nuovo passo avanti : il confronto. Questa regata in doppio di 605 miglia sarà il primo test a tutto tondo per lui, che ha scelto il cecoslovacco Milan Koláček per accompagnarlo non solo sul campo da regata, ma anche nella fase preliminare di scoperta delle potenzialità della nuova prua unita ai nuovi foil, che richiede un nuovo modo di navigare.

La barca, che con i nuovi foil è molto più potente di prima, è ancora tutta da scoprire : nuove regolazioni, configurazioni e livelli di tolleranza da testare e validare dal punto di vista tecnico e meccanico” spiega Giancarlo, che sa per esperienza che la messa a punto tecnica di un’imbarcazione è una fase fondamentale da non essere trascurata. “Serve non solo a stabilire il funzionamento ottimale della macchina, ma anche a mettere a prendere una serie di scelte tecniche ed ergonomiche finali” continua, scegliendo di affidarsi al ceco Milan Koláček per procedere in modo efficiente durante questo periodo. “È un ottimo tecnico. Mette tutto il suo know-how al servizio del progetto e si impegna al 100%, cosa che apprezzo enormemente” sottolinea Giancarlo, che non ama fare le cose a metà ed è grato quando i membri del suo team si investono spinti da una passione simile alla sua. “Io e Milan ci siamo conosciuti nel 2012 sul circuito Mini 6.50. Abbiamo navigato a lungo l’uno contro l’altro . Ricordo in particolare Les Sables – Les Açores – Les Sables del 2012, quando siamo stati per la maggior parte della regata bordo a bordo e alcuni trasferimenti fatti insieme. A livello umano ci siamo sempre trovati sullo tesso piano, ed è per questo che siamo sempre rimasti in contatto” spiega Giancarlo, che ha spontaneamente offerto a Milan la possibilità di accompagnarlo nella Rolex Fastnet Race, la cui 50ª edizione prenderà il via sabato prossimo, 22 luglio al largo di Cows. 

Un duo che è sempre rimasto unito

Il fatto di regatare insieme ci consentirà di concludere il lavoro che abbiamo svolto e di validare una nuova lista di cose da fare. Sto imparando a conoscere gradualmente la barca nella sua nuova versione, un lavoro affascinante che richiede tempo” osserva Giancarlo che nelle scorse settimane ha effettuato varie sessioni di allenamento in mare aperto sulle 24 ore. “La barca è chiaramente cambiata. È davvero impressionante. Le velocità che ha dimostrato di poter raggiungere sono pazzesche. Abbiamo testato varie regolazioni di rake e trimming e c’è ancora tanto da capire: ma la scoperta è una delle parti più belle del lavoro” assicura prendendone gradualmente in mano le redini, mentre Milan muove i primi passi nella classe IMOCA: “Prima di salire a bordo di Prysmian Group, avevo navigato solo una volta, in una breve uscita con Jean-Pierre Dick qualche anno fa. Sono felice che Giancarlo mi abbia dato fiducia chiedendomi di partecipare alla Rolex Fastnet Race con lui” commenta quest’ultimo, che vanta molte ore di navigazione nelle classi Mini 6.50, Figaro Bénéteau e Class40, una vittoria nel Campionato Francese Mini Ocean Racing nel 2012 e oltre 30 anni di esperienza nel settore della costruzione di barche in Francia, Nuova Zelanda e Irlanda oltre che nel suo Paese, dove ha un proprio cantiere di materiali compositi. “Sono lieto di poter apportare la mia esperienza tecnica al progetto di Giancarlo. Io e lui abbiamo un background simile. Siamo arrivati entrambi a Lorient dall’estero circa dieci anni fa, abbiamo iniziato dal nulla, senza aiuti e abbiamo condiviso momenti difficili. E continuiamo a farlo” conclude Milan Koláček.

 

21 LUGLIO 2023. Verso il Fastnet.

“Prima regata dell’anno, sono molto felice. Con il team abbiamo fatto un buon lavoro di messa a punto della barca: integrare dei foil nuovi – con tutta l’idraulica, la meccanica, l’ingegneria che comporta una rivoluzione del genere su una barca – è qualcosa di assolutamente non semplice. Tanti parametri, tante sorprese, tante cose da affinare… in ogni caso ho il sentimento che andiamo dalla parte giusta, per quanto riguarda i lavori. E adesso la grande challenge sarà riuscire a trovare le velocità della barca soprattutto di bolina e di poppa, perché di traverso abbiamo già visto che va a bomba. Ed io, sono nello stesso mood di sempre: grembiule e goletta, come a scuola”.
Partenza in mattinata da Lorient, Francia, per Cowes, Inghilterra.
“Il Fastnet è una regata che parte da Cowes, in Inghilterra. Usciamo dal canale del Solent, navighiamo nella parte sud dell’Inghilterra, fino a Land’s End, che è la punta a sud-ovest. A quel punto ci dirigiamo verso nord per girare lo scoglio del Fastnet e poi scendiamo verso sud per arrivare a Cherbourg, in Normandia. A quel punto la regata sarà finita!”
“La partenza è sempre difficile, perché ci sono molte barche e perché le condizioni meteo saranno impegnative. Anzi, molto dure per le prime 12 ore, poi si dovrebbero attenuare. Sarà una bella regata, ci sono tanti nostri avversari con barche nuove, modificate”.

 

22 LUGLIO 2023.

Il trasferimento.

“È andato tutto bene: siamo arrivati in anticipo, nella notte, e mentre eravamo in viaggio abbiamo provato tutte le vele che abbiamo scelto per la regata. Abbiamo fatto un trasferimento/allenamento. Adesso siamo in attesa della partenza, c’è molto traffico per cui dobbiamo restare vigili e estremamente attenti. Dobbiamo regolare la barca continuamente, ed è un lavoro complesso per chi nel pozzetto deve continuamente cazzare o allascare le cime, perché ci sono tante manovre da fare in poco tempo”.
Le condizioni meteo in partenza richiedono una navigazione di bolina estremamente vigilante, a causa del grande numero di barche presenti (430, anche se le partenze sono scaglionate. 29 IMOCA Globe Series al via), dei venti installati a 15 / 20 nodi e della corrente che si crea nel canale del Solent.

La partenza.

Gli IMOCA Globe Series iscritti alla Rolex Fastnet Race – Cherbourg partiranno oggi alle 14:15 orario italiano.
Nel pomeriggio è previsto il passaggio di un fronte sulla flotta con vento a 25 e raffiche a 30 nodi. “Sarà dura. Giusto per entrare subito nel match senza perdere tempo!”.
Tra sabato e domenica, intorno alle 06:00 quando gli Imoca saranno all’altezza di Lands End, il vento si calmerà, generando condizioni più gestibili. La rimonta verso il Fastnet sarà più tranquilla e la discesa verso Cherbourg in andature portanti.
Medallia e Charal hanno tagliato la linea di partenza in anticipo e dovranno subire la penalità di 2 ore aggiuntive al loro risultato.
Giancarlo e Milan sono partiti scegliendo una strategia conservativa e all’uscita del canale del Solent hanno scelto una rotta verso ovest.
La flotta è divisa in due: una regata già tutta da seguire.

 

23 LUGLIO 2023.

“Le condizioni di partenza sono state complesse: all’uscita del canale del Solent non riuscivamo a vedere niente tanto avevamo gli occhi pieni di acqua e sale a causa degli schizzi delle onde contro lo scafo. Era impossibile avere della visibilità e mi sono reso conto che avrei dovuto inserire il pilota automatico prima piuttosto che insistere ad utilizzare la barra del timone. È stata la prima lezione di condotta con la nuova versione di PrysmianGroup che mi ha regalato questa regata. La notte è andata abbastanza bene: il vento è diminuito a partire dalle 23:00. Siamo passati da due mani di terzaroli a una sola, e successivamente abbiamo cambiato la vela anteriore passando dal J3 al J2. Il mare era comunque molto mosso e la barca sbatteva parecchio… è stato un bel test per la barca. All’approccio di Cap Lizard abbiamo finalmente iniziato ad approfittare di una navigazione più serena. La strategia per le prossime 24h è quella di cercare di trovare la migliore traiettoria per passare Lands End e partire con una buona andatura al traverso verso il Fastnet per far navigare la barca al meglio”.

 

24 LUGLIO 2023.

“L’approccio al Fastnet è stato relativamente semplice: abbiamo trovato la rotazione del vento a nord che cercavamo e con due bordi al traverso abbiamo superato il faro del Fastnet che non abbiamo visto perché siamo arrivati di notte. Abbiamo trovato una piccola zona di vento molle prima del DST (zona a traffico elevato, nella quale le barche da regata non possono navigare) all’approccio dell’isola e poi siamo ripartiti veloci. Adesso navighiamo con punte di 20/25 nodi. Tutta a dritta, approccio ai prossimi DST da gestire verso Cherbourg, dove l’arrivo sarà tecnico… Ora è una corsa di velocità!”.
Passaggio del Fastnet: 04.59 ITA.
ETA (Estimated time of arrival) tra la tarda notte e le prime ore di domani mattina.

 

25 LUGLIO 2023. Arrivo.

Giancarlo e Milan hanno tagliato la linea del traguardo di Cherbourg questa notte alle 01:14 e 18 secondi ora Italiana in 14 posizione della Classe IMOCA Globe Series, navigando 800 miglia in 2 giorni, 10 ore e 59 minuti.
Sono attesi domani, mercoledì mattina a Lorient.

 

26 LUGLIO 2023. Ritorno a casa.

Giancarlo e Milan sono arrivati al Porto di Lorient intorno alle 16:30. Bentornati ragazzi, il team è felice di accogliervi!

Recommended Posts