Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, Giancarlo si affaccia al Grande Sud e vede la longitudine di Buona Speranza incombere all’orizzonte. Non appena avrà doppiato il primo dei tre grandi capi del suo giro del mondo, lo skipper di Prysmian Group entrerà nell’Oceano Indiano. In quello che viene ufficialmente riconosciuto come il Grande Sud, nonostante sia già da qualche giorno nel 40° parallelo, in compagnia degli enormi albatros. Davanti a lui si apre quindi un oceano difficile ma affascinante. Un territorio sfuggente, misterioso. Un luogo che bisogna vedere per conoscerlo e vivere per poterlo descrivere.

Navigare nell’Oceano Indiano e nel Pacifico meridionale è diverso da qualsiasi altra navigazione. Sistemi meteorologici a bassa pressione, isolamento, ghiaccio, cielo e Oceano grigio… tutto ciò che caratterizza questo deserto marittimo rende le condizioni estreme.

“L’aria è molto compatta e le temperature si sono abbassate molto. Ci sono tanti albatros intorno alla barca: senza dubbio è il Grande Sud e sto cominciando a capire le storie di chi mi ha raccontato la magia di questi luoghi incontaminati ”, ha commentato Giancarlo lunedì mattina, durante uno scambio con la sua squadra, consapevole che entrare in queste regioni segna l’inizio di una lunga traversata senza terra all’orizzonte.

Un ambiente duro, al quale è necessario adattarsi e che allo stesso tempo è necessario cercare di domare. “Ci si sente lontano da tutto qui, ma l’energia del luogo è incredibile. È pura, misteriosa e magnetica: ti fa venire voglia di continuare ad esplorare, andare a vedere cosa c’è di più avanti “. È il  commento di Giancarlo, consapevole che vigilanza e anticipazione sono più che mai parole chiave per le prossime tre settimane.

“Stanotte stavo riflettendo sulla relazione tra uomo e natura. In Europa siamo riusciti a confinare la natura e abbiamo l’impressione di controllarla: rari sono i luoghi che rimangono inesplorati e rari sono le zone nelle quali è possibile restare isolati o fuori dalla portata di mano fosse solo dei soccorsi. Il Grande Sud, invece, è ancora abbastanza sconosciuto. Ci sono stati pochi viaggiatori qui. Sono poche le scie che sono state tracciate su questi mari, che rimangono relativamente inaccessibili ”.

Diventare consapevoli della forza della natura

Indubbiamente, il Grande Sud suscita fascino, alimenta paure ed è scenario di storie selvagge. “Ti rendi conto, quando sei quiì, della maestosità della natura. L’essere umano è minuscolo difronte a una tale potenza, un tale forza con onde altissime, un cielo plumbeo, i grandi ed eleganti albatros, che qui sono i padroni… ”, ha sottolineato l’unico navigatore italiano partecipante a questa incredibile regata, che continua la sua rotta con oltre 30 nodi di vento e onde di quasi quattro metri, generati di una depressione meridionale che investe il sud dell’Africa.

“Sono 24 ore che siamo nel flusso di questa depressione, con venti molto rafficati e molto instabili. Non è facile trovare le giuste impostazioni della barca, soprattutto con le attuali condizioni del mare, che sono influenzate dal fondale che si sta alzando, rendendo le onde particolarmente corte e frangenti”, ha spiegato Giancarlo, che dovrebbe trovare condizioni meno caotiche a partire da questa notte. “Ci sono ancora una dozzina di ore nelle quali sarà necessario stringere i denti. Devo continuare a fare le cose giuste per preservare il materiale. La barca è la mia sicurezza e affinchè la mia regata possa continuare, devo prendermene cura ”, ha concluso, attualmente al 10 ° posto in classifica.

Recommended Posts