Défi Azimut – Lorient Agglomération

Dopo una breve pausa estiva, Giancarlo Pedote e altri 27 navigatori della classe IMOCA si ritrovano in mare in occasione della 12a edizione del Defi Azimut – Lorient Agglomération.

 

Nel pomeriggio di mercoledì 14 settembre, lo skipper di Prysmian Group e gli altri concorrenti sono entrati nel vivo della regata con la prima prova, i Run Azimut, prima di continuare oggi con la 48 H Azimut, importante regata d’altura di 500 miglia in solitaria. Domenica 18 settembre la manifestazione si concluderà con un giro dell’isola di Groix, prova in equipaggio. Un programma denso e interessante che permetterà a Giancarlo di confrontarsi con gli altri skipper in modalità regata prima della Route du Rhum – Destination Guadalupe, il cui inizio è previsto tra meno di due mesi.

 

Il Défi Azimut di Giancarlo Pedote: l’occasione ideale per “fare il punto”

 

“Sono molto felice e impaziente di tornare a regatare”, ha dichiarato Giancarlo ieri mattina, prima dell’inizio del Défi Azimut. L’ultima regata disputata, la Vendée Arctique – Les Sables d’Olonne, si era svolta a giugno. “Dopo la Vendée Arctique abbiamo effettuato un’approfondita revisione della barca, io e il mio team ci siamo presi una breve pausa prima di riprendere gli allenamenti subito dopo ferragosto”, ha spiegato Pedote, che nelle ultime settimane è uscito a navigare in condizioni di vento sostenuto per testare sé stesso e validare alcuni punti tecnici a bordo.

“Adesso non vedo l’ora di potermi mettere in discussione sul campo di regata, valutare il livello di preparazione mio e degli altri navigatori soprattutto con la 48 H Azimut, che sarà l’ideale per ritrovare le sensazioni della regata in solitario anche se in realtà si ratterà di un “falso-solo”, dal momento che dovrà essere presente a bordo un media man. Si tratta di una situazione effettivamente diversa rispetto a quella che prediligo, alla navigazione in solitario, ma è importante poter produrre immagini che possano permettere a più persone possibile di seguirci e vedere cosa succede e come davvero viviamo a bordo di queste imponenti imbarcazioni”, gli IMOCA, che sono lunghi 60 piedi, ovvero 18,23 metri.

 

© C.Favreau

 

Una regata di 48 ore

 

Il percorso della prova principale del Défi Azimut si sviluppa su un triangolo di 500 miglia al largo della rada di Lorient.

“Inizieremo con un bordo VMG, continueremo con un po’ di lasco e finiremo con una risalita in bolina: un percorso vario e denso che si preannuncia anche molto piacevole, da percorrere con un vento tra i 15 ei 20 nodi. Non saranno condizioni da battaglia, ma ci muoveremo rapidamente. Sarà fantastico rimetterci tutti in gioco in queste condizioni, uno degli ultimi regali dell’Oceano Atlantico di questa stagione prima dell’inizio della sfilata di depressioni autunnali e invernali”, ha ammesso Giancarlo, che intende sfruttare al massimo queste belle condizioni per un confronto finale prima della Route du Rhum – Destinazione Guadalupe.

“Il mio obiettivo è quello di regolare al meglio la barca in tutte le andature, per cercare di fare la migliore regata possibile. Le prestazioni ottenute alla Guyader Bermudes 1000 Race a maggio, e alla VALS a giugno non mi hanno soddisfatto completamente da questo punto di vista, anche se in quest’ultima sono stato contento di aver preso una serie di scelte tattiche”, precisa lo skipper di Prysmian Group, che non smette mai di mettersi in discussione:

“Fa sempre bene porsi delle domande, anche scomode: serve ad andare avanti potendo vedere dettagli sui quali altrimenti non potremmo lavorare”. Un po’ di vendetta, allora? “No, non è la mia mentalità. Il mio obiettivo, come sempre quando mi preparo per la partenza di una regata, è quello di riuscire a dare il massimo.”

Sabato mattina conosceremo il verdetto di questa prova.

 

I Runs Azimut

 

Nel frattempo, i Runs Azimut disputati ieri hanno visto Prysmian Group classificarsi in undicesima posizione su 28 Imbarcazioni grazie a un tempo di 3 minuti e 33 secondi, un risultato che considerato il tutto ha soddisfatto lo skipper:

“Io e il mio equipaggio – composto da quattro persone del team incluso Giancarlo e quattro invitati – siamo contenti di questi Runs: siamo stati bene a bordo, la barca si è comportata bene e abbiamo lasciato dietro imbarcazioni con foil molto più grandi dei nostri, qualificandoci per la finale e ottenendo l’undicesimo miglior tempo della flotta, una cosa assolutamente inaspettata. Per questo siamo contentissimi e speriamo oggi di fare una bella gara: la barca è preparata bene.”

I Runs sono prove di velocità su un miglio nautico realizzate in due turni: la flotta, divisa in due gruppi, ha avuto due possibilità per realizzare il miglior tempo possibile e qualificarsi per la finale, che ha visto partecipare le sei barche più veloci di ciascun gruppo in un’ultima prova “one shot” .

 

Défi Azim2022, les Runs Azimut Bretagne, Lorient le 14 septembre 2022
© Jean-Marie Liot

 

Défi Azimut : « Un bilancio positivo »

 

Si è conclusa domenica 18 settembre la 12a edizione del Défi Azimut, che ha riunito a Lorient 28 imbarcazioni della Classe IMOCA per l’ultimo confronto prima della partenza della Route du Rhum – Destination Guadalupe che avverrà tra circa sette settimane. Giancarlo è riuscito a testare nuovamente le modifiche effettuate sulla sua barca durante il cantiere invernale (il cambiamento di sei metri di prua) dimostrandone il potenziale, che potrà esprimersi al meglio dopo il cambiamento dei foil che avverrà a cavallo tra il 2022 e il 2023.

Lo skipper di Prysmian Group, nonostante alcuni inconvenienti con il pilota automatico, ha ottenuto un incoraggiante 10° posto nella regata d’altura di 500 miglia nautiche in solitario, la 48H AZIMUT, durante la quale è riuscito a superare anche dei foiler di ultima generazione.

 

Prysmian Group di Giancarlo Pedote al Defi Azimut 2022
Foto realizzata per il concorso legato ai media man a bordo della 48H AZIMUT © A.Dujoncquoy

 

Le riflessioni di Giancarlo

 

Il bilancio globale di questo Défi Azimut è positivo. Quello che mi interessava era ovviamente la 48H Azimut, valevole per la selezione al Vendée Globe in caso l’organizzazione dovesse scegliere tra troppi team iscritti. I Runs Azimut e il Tour dell’isola di Groix in equipaggio erano più che altro delle prove spettacolo per il pubblico e un intrattenimento per gli invitati. La 48H AZIMUT è stata una bella regata, con buone condizioni meteo. Sono abbastanza soddisfatto del risultato perché al traguardo sono passati davanti a me solo grandi foiler“, ha dichiarato alla conclusione della seconda prova. Giancarlo, sentendosi sempre più in sintonia con la sua barca nella configurazione attuale, ha tracciato una traiettoria pulita lungo le 500 miglia del percorso proposto dall’organizzazione nel Golfo di Biscaglia.

 

Un percorso ad ostacoli

 

Un percorso comunque ad ostacoli per Prysmian Group: “Dopo un buon inizio di regata mi sono trovato ad affrontare problemi con il pilota automatico. Problemi che sono iniziati alla Guyader Bermudes 1000 Race dello scorso maggio e che per il momento non siamo riusciti a risolvere. Questa è una preoccupazione importante che deve assolutamente essere risolta prima della partenza della Route du Rhum. Dobbiamo riuscire a fare più uscite possibili con vento forte per poter studiare la situazione e identificare la causa del guasto“, spiega il navigatore italiano che, nonostante questo handicap, è riuscito a lottare nel primo terzo della flotta, perdendo il 9° posto solo per pochi minuti dopo quasi due giorni di regata a dir poco tecnica, piena di decisioni e manovre.

Poco prima della fine, ho preso qualcosa di grosso nella chiglia che mi ha costretto a fare un 360° e ho dovuto abbandonare la lotta finale con Tanguy (Le Turquais). È qualcosa che mi lascia l’amaro in bocca, ma fa parte del gioco e devo accettarlo. Quello che mi infastidisce di più è chiaramente il problema al pilota“, sottolinea il fiorentino che dopo gli appuntamenti in Italia del Festival dello Sport a Trento e del Salone Nautico di Genova a fine settembre, impiegherà tutte le sue energie per risolvere questo problema.

 

Sapersi mettere in discussione, al di là delle domande

 

Ciò di cui sono soddisfatto è che sono sempre di più in sintonia con la mia barca. Questo è dovuto al fatto che partecipo attivamente alla sua preparazione generale e alla sua vita tecnica“, racconta lo skipper di Prysmian che sa benissimo che fare domande è il modo migliore per ottenere risposte al fine di trovare la soluzione adeguata e progredire. La descrizione della situazione originaria, la considerazione gerarchica degli elementi principali, lo sviluppo di azioni correttive rilevanti: questa è la ricetta giusta secondo Giancarlo, che dalla sua laurea in filosofia ha imparato soprattutto il metodo di lavoro e di pensiero.

Il livello generale della flotta IMOCA è in costante aumento. Nonostante ciò, noi piccoli foiler riusciamo a restare a contatto con le imbarcazioni di ultima generazione. È un fenomeno incoraggiante che mi aiuta a non mettermi limiti”, sottolinea Giancarlo, già concentrato sulla Route du Rhum che si profila sempre più nitida all’orizzonte.

Sono già concentrato sulla prossima regata al 100% perché, come sempre, quando faccio qualcosa è a tutto gas. Il mio leitmotiv è essere presente in ciò che faccio in ogni momento della mia vita”, conclude Giancarlo, che ama vivere intensamente e cercare di imparare da ogni esperienza.

 

Giancarlo Pedote al Defi azimut 2022 su Prysmian Group
© A.Dujoncquoy