Il team Prysmian Ocean Racing è uno dei sette team ad aver aderito al progetto in collaborazione con la Classe Imoca e OceanOPS di dispiegamento di boe meteorologiche coordinate da Météo France, nell’ambito del programma europeo E-Surfmar.

Oltre agli obiettivi principali della Transat Jacques Vabre 2021 di concludere la regata al meglio delle possibilità e dare il massimo con le armi a disposizione, Giancarlo Pedote e Martin Le Pape si impegneranno anche in un progetto per la climatologia.

Il programma europeo E-Surfmar

Infatti, una delle sfide principali del programma europeo E-Surfmar è quella di mantenere permanentemente operative 150 boe meteo nel Nord Atlantico e nell’Artico. L’obiettivo principale del programma sostenuto da Météo France è migliorare la qualità delle previsioni meteorologiche grazie ad un aumento delle osservazioni della superficie marina, che forniscono i dati sulla pressione atmosferica e che non possono essere rilevati dal segmento spaziale.

Photo © Noesis

I rappresentanti del progetto hanno consegnato queste boe, che pesano 22 chilogrammi, qualche giorno prima della partenza al Villaggio della Transat Jacques Vabre. Gli scienziati hanno istruito gli skipper che hanno aderito all’iniziativa, spiegando la procedura specifica per rilasciarli in mare nel corso della regata. A ciascun team è stato assegnato a sorte un grado di latitudine durante il quale dovranno gettare in mare la boa, tra il 10° Nord e il 16° Nord.

Photo © Classe IMOCA

Recommended Posts