Punto Nemo: un altro passaggio chiave per Giancarlo e Prysmian.

Giancarlo sta navigando a 300 miglia a sud del Punto Nemo, il punto più remoto del globo. Il più isolato da tutte le terre emerse. Il leggendario Capo Horn si profila tuttavia dolcemente all’orizzonte, a 1.700 miglia di distanza. Ma l’Oceano Pacifico non ha finito di giocare brutti scherzi ai marinai del Vendée Globe.

Il Punto Nemo è un passaggio mitico, che accende la fantasia e l’immaginazione. Chiamato così in riferimento al famoso capitano del Nautilus, creato da Jules Verne nel suo romanzo “20.000 leghe sotto i mari”, designa il Polo oceanico dell’inaccessibilità. E non a caso: la terra emersa più vicina è l’isola Ducie, un atollo disabitato situato a 2.688 chilometri di distanza.

Anche se al momento la situazione meteo è complicata, colpa di tante raffiche e di un mare davvero molto corto e disordinato. Questa combinazione richiede molta concentrazione per preservare l’imbarcazione, il fatto di essere vicino a questo punto fa scattare qualcosa in me. È un punto di riferimento simbolo dell’assoluta lontananza e questo, ovviamente non lascia indifferenti”, ha commentato Giancarlo, scioccato dalla consapevolezza che questo punto è purtroppo anche una discarica spaziale. A causa della sua lontananza, molti detriti spaziali vengono “sepolti” lì. Ci sarebbero tra i 250 e i 300 veicoli spaziali fuori uso, compresa la stazione spaziale sovietica Mir e i resti della stazione spaziale cinese Tiangong-1.

È inquietante sapere che l’uomo ha avuto l’idea di usare il Punto Nemo come cimitero di oggetti spaziali. Oggi, con la tecnologia di cui disponiamo, potremmo provare a farli schiantare nel deserto e poi andare a recuperarli piuttosto che lasciarli in fondo all’oceano, inquinando i fondali”, ha aggiunto lo skipper di Prysmian Group, da sempre particolarmente attento alla tutela dell’ambiente.

 

La fine del Grande Sud 

Il famoso Capo Horn dista solo 1.700 miglia dalla prua dell’IMOCA che vesti icolori dello storico sponsor di Giancarlo e della ONG Electriciens sans frontiéres. Questa lingua di terra vulcanica posta all’estremità meridionale del Cile, resta il punto di passaggio simbolo per i marinai che hanno vissuto “nascosti” per più di un mese in questo “tunnel meridionale” dell’Oceano Indiano e Pacifico.

Francamente, non vedo l’ora di superare Capo Horn. Non vedo l’ora di tornare a passare al largo delle coste dell’Argentina. Siamo tutti stanchi e le barche sono provate. Il ritorno sull’Atlantico mi farà sicuramente vivere delle grandi sensazioni positive. Ritroveremo il sole dopo lungo tempo e le temperature saranno più clementi. Potremo scordarci l’umidità e il freddo e questo miglirerà sicuramente il mio morale“, assicura Giancarlo che si sta comunque preparando per un passaggio a Capo Horn non facile, segnato da venti da Ovest con un’intensità tra i 35 e 45 nodi con raffiche fino a 55 nodi e onde dai 6 ai 7 metri.

Rischiamo tutti di essere un po’ sotto pressione a causa delle condizioni che dovremo affrontare. Rischiamo, quindi, di non goderci a pieno il momento che vivremo. Ma so che, nonostante tutto, sarà un momento memorabile”, ha indicato il fiorentino che stima di superare il terzo e ultimo grande traguardo del suo giro del mondo tra il 3 e il 4 gennaio prossimi, con appena un giorno di distacco dal leader. Un gap che in questa fase della regata fa ben sperare per un’emozionante scalata atlantica.

La grande avventura continua!

Oceano Pacifico: in arrivo sulla rotta di Giancarlo e Prysmian

Anche se al momento le condizioni che vivono i due gruppi di testa del Vendée Globe (il giro del mondo in solitario senza assistenza e senza scalo) sono più clementi rispetto a quelle degli ultimi giorni, le temperature dell’aria e dell’acqua sono calate vertiginosamente e si avvicinano ormai allo zero.

Il freddo diventa quindi un nuovo avversario per l’unico skipper italiano in gara, che nonostante tutto è in ottima forma, motivato dal fatto che il passaggio del 180° meridiano segnerà il suo ingresso nell’Oceano Pacifico: un nuovo capitolo della sua fantastica avventura intorno al mondo.

Sta iniziando a fare davvero freddo! », ha commentato Giancarlo Pedote appena entrato nei Cinquanta Urlanti, un universo singolare, un territorio ostile dove gli elementi regnano sovrani su una natura rimasta intatta e ribelle. “Devi adattarti e cambiare alcune abitudini“, confessa Pedote appena rientrato all’interno della barca dopo essere andato qualche minuto in pozzetto.

Ho appena fatto alcuni giri della colonna del winch per riscaldarmi e presto mangerò qualcosa, sempre per scaldarmi. Poi andrò alla branda, dove ho sostituito le coperte che uso normalmente con il sacco a pelo, per avere meno freddo e poter dormire. Mi piace di meno perché dentro mi sento come una salsiccia e sono quindi meno reattivo, ma non ho scelta! C’è un’umidità nell’aria che non riusciamo a far evacuare e che ci penetra fino alle ossa”, ha spiegato Giancarlo, in navigazione a oltre 16 nodi di media in condizioni di mare fortunatamente meno dure rispetto a quelle incontrate negli ultimi giorni nell’Oceano Indiano.

È ancora dura, ma il mare è più ordinato e quindi è più facile manovrare. È il momento di cercare di spingere! », Ha detto il navigatore fiorentino, che in queste ultime 24 ore ha guadagnato una quindicina di miglia rispetto a Isabelle Joschke, sua diretta avversaria.

La metà

Sto navigando sotto un fronte freddo che si muove più o meno alla mia stessa velocità“, ha detto Giancarlo, che è felice di vedere l’Oceano Pacifico all’orizzonte. “È qualcosa di psicologicamente importante. Uscire dall’Indiano ed entrare in questo nuovo oceano mi darà una spinta al morale, soprattutto perché l’antimeridiano è sinonimo di metà percorso ”, precisa Giancarlo che fatica a rendersi conto di essere in mare da ormai 40 giorni. “Questo Vendée Globe è davvero un viaggio pazzesco, sto vivendo e dovrò ancora vivere un sacco di avventure! Sono felice di essere dove sono e di essere riuscito a prendermi cura della mia barca finora, che a quasi metà percorso è ancora in ottima forma“, ha detto lo skipper dell’IMOCA Prysmian Group, che ospita a bordo anche l’ONG Electriciens sans frontières.

Pensavo che a questa data avremmo già finito con l’Indiano. Quattro anni fa, durante l’ultima edizione del Vendée Globe, il gruppo leader stava già navigando nel Pacifico. Non vedo l’ora di scoprirlo. Non sono sicuro di cosa aspettarmi. Sarà una sorpresa, non ho chiesto moltoprima di partire perchè volevo lasciarmi sorprendere. Secondo me ci sono alcune cose che è necessario scoprire da soli“.

Oceano Indiano: imparare le giuste misure al Vendée Globe

A metà strada tra le longitudini del Madagascar e delle isole Kerguelen, Giancarlo continua il suo viaggio su un Oceano Indiano caotico, fedele alla sua reputazione. Preservare l’imbarcazione resta la sua parola d’ordine, che questo inizio settimana ha navigato in venti di oltre 40 nodi (74 km/h) nel passaggio di un fronte, ma soprattutto in un mare complesso, pericoloso per la struttura delle imbarcazioni, mare che lo ha portato alla decisione di sollevare un po’ il piede dall’acceleratore sulla strada per Capo Leeuwin. L’atteggiamento di navigazione “a buon marinaio” che Giancarlo ha adottato in queste difficili condizioni meteorologiche, nasconde in realtà una perfetta gestione dell’equipaggiamento e dell’uomo a bordo, ed è solo una fase di preparazione strategica, che evolverà quando la situazione sarà più favorevole.

Questa mattina (lunedì), un fronte è passato sopra di noi. Ho visto gli strumenti segnare oltre 40 nodi di vento. Ho dovuto tenere duro, perché il mare è sempre molto corto e incrociato. Più volte la barca ha planato e si è piantata nell’onda davanti o, viceversa, in più occasioni è stata raggiunta da quella dietro”, ha commentato ieri Giancarlo Pedote dopo aver trovato condizioni di vento più gestibili. “Davanti a noi c’è un flusso da nord-ovest ma abbiamo ancora a che fare con un vento da sud-ovest, sul dorso della depressione. Il vantaggio è che ci permette di impostare una rotta a 90 °, cioè verso est ”, ha sottolineato, attualmente al 10 ° posto in classifica e che naviga a oltre 15 nodi di velocità media.

Riuscire a domare i mari del sud

Ho scelto di rimanere un po’ più a nord rispetto ai miei diretti concorrenti per preservare l’equipaggiamento. Non nascondo il fatto che al momento sto navigando in modo abbastanza conservativo perché nell’Indiano, le barche rischiano di poter subire forti sollecitazioni. A mio avviso, è bene limitare gli shock contro le onde. Quando le condizioni del mare saranno più gestibili, tirerò fuori le armi a mia disposizione, ma visto il tratto di oceano che stiamo percorrendo, non è il momento di rischiare“, ha detto lo skipper italiano consapevole della potenza di questo famoso Oceano Indiano, spaventoso e temuto da molti navigatori.
Sto scoprendo molte cose. Non avevo mai navigato nei mari del Sud prima e le persone che me ne avevano parlato lo avevano fatto di sfuggita. Probabilmente perché è indescrivibile “, ha aggiunto Giancarlo, impressionato dalla maestosità delle onde.

Imparare ad essere paziente

Sono molto alte e il loro ciclo è piuttosto breve. Quando vai a prua, fa impressione, ma è dovuto anche al fatto che l’aria è fredda, il cielo è grigio … Ti senti in un luogo inesplorato. Lo domini poco a poco, un po’ come quando attraversi per la prima volta il Golfo di Biscaglia. Più passa il tempo, meglio sappiamo governare la barca, gestire la sua andatura rispetto a queste particolari condizioni meteo … Rimango paziente e calmo, ben consapevole che la reagata è lunga e che per finirla bisogna subire i minori danni possibili”, ha concluso Giancarlo che sta gestendo la regata con razionalità e inizia ad immaginare con sempre maggior precisione una nuova barca, forte dell’incredibile esperienza che sta facendo.